L’Idea

shapeimage_2
Dopo alcuni viaggi in Africa, spinto dalla passione per la fotografia, ho iniziato a pensare che dovevo vivere il continente Africano in modo diverso. Non potevo solo ricevere, appropriarmi di tutte quelle emozioni – sensazioni – immagini, dovevo fare qualcosa per lui.

Il mondo Africano è molto diverso dai lodge, dai villaggi, dai campi tendati creati per i safari e i turisti; questi danno sì un aiuto e fanno lavorare un’esigua porzione della popolazione locale. Quelli che lavorano nei parchi ci fanno conoscere e apprezzare gli animali e il loro modo di vivere, ma è solo una piccolissima parte.

La vera Africa è purtroppo, ancora oggi, sinonimo di povertà, di indigenza e di trascuratezza.

Un giorno ero in aeroporto a Nairobi in attesa del volo di rientro in Italia e una persona ha attratto la mia attenzione. Si notava subito, mi colpiva il suo modo di parlare, il suo modo di fare da pacere tra gli animi che si scaldavano e da un viso abbronzato spuntava un pizzetto bianco argenteo dotato di un sorriso rassicurante. Mi sono avvicinato, con lui altre tre persone. Dopo qualche minuto …. con un misto di inglese-swahili-dialetti tribali …. la sentenza: si partiva l’indomani sera alla stessa ora. Mi sono agganciato al gruppo, ho chiesto informazioni e lui … Padre Adolfo Decol, mi ha beccato subito e mi ha detto “ma tì tè si trevisan”; nulla di più piacevole. Dopo le presentazioni abbiamo subito cominciato a parlare di Africa e mi ha spiegato tutte le cose che ha fatto e ha incentivato a fare. Gli ho parlato di quello che avrei voluto fare io: unire la mia passione per la fotografia con il mio lavoro e non solo. Lui mi ha risposto: “a xe proprio ‘na bea idea”. Mi ha dato tutta una serie di informazioni tra le quali il nome di Daniele Schiavinato che io avevo conosciuto venti anni prima ma ignoravo si trovasse in Africa come volontario. Al rientro in Italia, l’ho subito contattato e in un viaggio successivo sono andato direttamente a Mujwa, nel villaggio dove lui vive. Con lui ho dato inizio al progetto “kusikia” per applicare apparecchi acustici a bambini. Da questo incontro e da questa esperienza è nato il progetto più grande di creare l’associazione A.V.C.I. Onlus.

Stefano Bortoletto

“Un buon progetto nasce da buone motivazioni e comunque da eventi – combinazioni – casi occasionali o provocati… ma dobbiamo sempre ricordare che… nulla avviene per caso.”

_MG_3803
Daniele Schiavinato

Kenya

originario di Montebelluna – Treviso – Italia

da oltre vent’anni in Kenya come volontario.

Da diversi anni vive presso il villaggio di Mujwa nel distretto di Meru. Ha creata una falegnameria che da lavoro ad una ventina di operai e con la quale supporta molteplici iniziative di aiuto per la popolazione locale. Collabora con alcune associazioni e gruppi di volontari, dando vita a progetti e opere di sostegno per la scolarizzazione dei bambini.

Daniele e Stefano a Karii

Daniele e Stefano a Karii

Stefano presso la casa di Daniele a Mujwa

Stefano presso la casa di Daniele a Mujwa

    A.V.C.I. ONLUS - ASSOCIAZIONE VOLONTARI COOPERAZIONE INTERNAZIONALE - C.F. 94111430263